0

DALLA NAFTALINA DI ETA BETA ALLO SHERRY DI CHARLES DICKENS PASSANDO PER L’ARTE TOSTA(TA) Incapacità della fama di trovare un qualsiasi rimedio alla fame che non sia fame di gloria. Seguìto da alcuni bizzarri consigli alimentari per bambini con la pancia piena.

0

UN SOLDO PER I TUOI PENSIERI… -NON SPRECARLO, FATTI UN PENSIERO TUTTO TUO! Lo spreco è un vizio, o una virtù? Per nostra madre terra è una colpa. Ma Italo Calvino e Louisa May Alcott gli danno il beneficio del dubbio.

0

IL GUSTO È UN RICORDO CHE NON HA PERSO IL SUO SAPORE Se i bambini nascono sotto i cavoli, è comprensibile che ai piccini non piacciano i broccoletti. Altri arrivano con le cicogne, perché i polli sono molto più utili arrosto.

0

LA BIODIVERSITÀ, IL BAMBINO DISORDINATO E LA GIUNGLA DEL DOGANIERE Quando ci capita di pensare che forse non siamo soli nell’universo, dovremmo ricordarci che sicuramente non siamo soli sul nostro pianeta.

0

SE AVESSI CINQUANTATRÉ MINUTI DA SPENDERE, CAMMINEREI ADAGIO ADAGIO VERSO UNA FONTANA (e non c’è niente di meglio che saltare nelle pozzanghere dopo una giornata di pioggia)

0

LA REPUBBLICA DI PLUTONE, PIKACHU, IL GATTO CON GLI SPERONI E LE EVOLUZIONI DI UNA STRANA SPECIE Nel mondo dei bambini tutto si trasforma perché nulla cambi. I prìncipi diventano ranocchi solo per il piacere di tornare ad essere prìncipi.

0

LA SOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ARTE Prendete un foglio di carta, posatelo sopra un pezzo di corteccia e strofinate con una matita a punta grassa. Anche la scorza più dura comincerà a sognare.

0

IL PANE, LE ROSE, L’INSALATA E IL BANCHETTO DI PETER PAN I bambini imparano a mangiare dai cartoni animati e imparano dall’arte che non tutto quello che si mangia finisce sulla tavola

0

VIDEOGIOCHI COME CAMPI D’ESPERIENZA Botanicula e Metamorphabet: due indie games per lasciare che i bambini giochino nei giardini segreti dell’esperienza audiovisuale

4

Uno scarabocchio è uno scarabocchio è uno scarabocchio I disegni dei bambini molto piccoli non assomigliano a qualcosa, ma sono il raccconto di qualcosa, scritto con l’alfabeto esotico dell’isola che non c’è.